Fac-Simile Referto Psicologico

0
3376

L’Art. 13 del Codice Deontologico psicologi prevede l’obbligo di referto o di denuncia. La differenza è spiegata in questo articolo.

Di seguito, si fornisce un fac-simile del referto psicologico nei casi di obbligo o negli altri casi:
fac_simile_referto_psicologico-1.pdf (222 download)

Si riporta l’art. 334 c.p.p. che indica come deve essere redatto un referto nei casi di prestazione sanitaria:

1. Chi ha l’obbligo del referto [c.p. 365] deve farlo pervenire entro quarantotto ore o, se vi è pericolo nel ritardo, immediatamente al pubblico ministero o a qualsiasi ufficiale di polizia giudiziaria del luogo in cui ha prestato la propria opera o assistenza ovvero, in loro mancanza, all’ufficiale di polizia giudiziaria più vicino.
2. Il referto indica la persona alla quale è stata prestata assistenza e, se è possibile, le sue generalità, il luogo dove si trova attualmente e quanto altro valga a identificarla nonché il luogo, il tempo e le altre circostanze dell’intervento; dà inoltre le notizie che servono a stabilire le circostanze del fatto, i mezzi con i quali è stato commesso e gli effetti che ha causato o può causare.
3. Se più persone hanno prestato la loro assistenza nella medesima occasione, sono tutte obbligate al referto, con facoltà di redigere e sottoscrivere un unico atto.

Mentre l’art. 365 c.p. indica le conseguenze dell’omissione di referto:

Chiunque, avendo nell’esercizio di una professione sanitaria prestato la propria assistenza od opera in casi che possono presentare i caratteri di un delitto per il quale si debba procedere d’ufficio, omette o ritarda di riferirne all’Autorità indicata nell’articolo 361, è punito con la multa fino a cinquecentosedici euro.
Questa disposizione non si applica quando il referto esporrebbe la persona assistita a procedimento penale [384].

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here